Vallelunghesi caduti e dispersi in Russia(Campagna di Russia 1941-1943).Di Giuseppe Piraino.

Se è vero, come afferma Italo Calvino, che “scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto”, leggere è invece un ricercare, ritrovare o inventare quanto di apocrifo si cela dentro il testo, quanto di “marginale o anacronistico” è destinato a diventare,invece, centrale e attuale. Nel colloquio che si dispiega tra lo scrittore e il lettore, l’opera, affidata entro un precario cesto di vimini allo scorrere delle acque del tempo, si offre come un dono da corrispondere, un pegno da riscattare, un debito da sciogliere.

In questo senso, e dal momento che un testo non è mai forma chiusa e compiuta restando perennemente e dinamicamente aperto alle diverse e molteplici provocazioni di quanti lo interrogano, ci viene consegnato un interessante volume ad opera dello scrittore vallelunghese Giuseppe Piraino che grazie alle sue ricerche storiche ha riportato alla luce alcuni figli di Valleunga caduti o dispersi nella campagna di Russia durante il secondo conflitto bellico.

La gratitudine, innanzitutto, a chi ha scritto il prezioso volume,Pino Piraino,dipendente regionale e dirigente del museo archeologico di Marianopoli.

E,soprattutto,ai soldati vallelunghesi,morti e dispersi,nella campagna di Russia dal 1941 al 1943.

La pubblicazione di un libro è operazione non priva di implicazioni problematiche. Chi ne cura la stampa è chiamato a domandarsi se i testi raccolti e selezionati siano davvero in grado di restituire il profilo e l’identità a coloro che non hanno più voce e,forse,neppure una tomba.

Ci si chiede se la scelta operata ne rispetti l’oggettivo dramma umano,familiare,sociale descritto o piuttosto lo tradisca a favore di ragioni estrinseche o estranee alle reali motivazioni da cui il volume è, originariamente, scaturito.

E’ noto che i libri non rimangono mai gli stessi ma cambiano nel tempo perdendo e guadagnando, a secondo delle stagioni, spegnendo alcune luci e ricevendone altre, sperimentando nuove risonanze e stemperando gli accenti originari, lasciando spesso cadere quanto sembrava indistruttibile e incorruttibile e rivelando, invece, epifanicamente, nuovi segreti significati, insospettabili e carsici percorsi.

Certamente sia le intenzioni che lo scrivere di Pino Piraino hanno raggiunto il loro obiettivo primario:RICORDARE i soldati di Vallelunga morti e dispersi in quella terribile follia che fu la campagna di Russia.

Rendere onore a chi ha servito la Patria,partendo da cuore della Sicilia,per arrivare tra il rigido e spietato freddo di Russia.

La Patria chiamava,seppur in quel contesto di follia collettiva che fu tanto il nazi-fascismo quanto il comunismo stalinista e post stalinista, e i figli di Vallelunga non si tirarono indietro.

L’operazione storico-culturale di Pino Piraino,dunque,merita un grande apprezzamento per aver riportato alla luce alcuni dei soldati vallelunghesi caduti in Russia:Giuseppe Barone,Luciano Cammarata,Vincenzo Guida,Ciro Gulino,Loreto Lo Iacono,Calogero Muscarella,Francesco Notaro,Rosolino Nuara,Luciano Oddo,Salvatore Plicato.

Un contributo alla conservazione della memoria dei singoli e della comunità vallelunghese che onora questi suoi figli caduti per servire la Patria.

Di notevole rilevanza storico-affettiva risulta essere la testimonianza di un sopravvissuto il sig. Giuseppe Licata che,dopo tanti anni,di rimozione e di silenzio su quella terribile esperienza è riuscito a narrarla e a consegnarla ai posteri.Il senso etico del ricordare che non è più tra noi.

Un popolo senza MEMORIA è un popolo SENZA FUTURO!

Il volume è stato pubblicato dal Comune di Vallelunga Pratameno.

P.S.:Per acquistare il volume rivolgersi,per iscritto, alla Biblioteca Comunale di Valleunga Pratameno,93010,CL;

oppure direttamente all’autore scrivendogli alla seguente mail:valprato2008@libero.it

Una Risposta

  1. Sono il figlio di un disperso in Russia .Come debbo fare per pubblicare su qualche sito e-mail delle foto di mio padre per la ricerca se qualcuno ha qualche ricordo da un padre o da un nonno? gradirei una risposta
    Ho visitato molti siti ma non ho trovato nulla di serio per poter fare una ricerca seria dato che io non nessuna notizia di mio padre

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: