Cose nostre….

 GM

Questo libro nasce dalle sollecitazioni finali del prof. Michele A. Crociata, ordinario di storia negli istituti superiori che, in occasione della presentazione del libro precedente “Banditismo, Mafia e Politica “, così si era espresso:« Su “Banditismo, Mafia e Politica in Sicilia molto di vero e di falso è stato detto e scritto da siciliani, da italiani ed anche da stranieri. Lo studio del Prof. Giuseppe Mazzola, però, ha un taglio del tutto particolare perché, parlando della “Banda Giuliano “, mette bene in evidenza tanti aspetti della storia più recente della nostra isola, della mentalità e dei costumi propri del suo paese natio: Montelepre.

Anche se ancora ragazzo, egli, infatti, ha visto, ha sentito, ha vissuto ed ha impresso nella sua memoria e nel suo essere quello che ora, uomo maturo, ci racconta e ci commenta con un periodare fluido e con stile accattivante, semplice, da innamorato della sua terra ubertosa e piena di poesia.

Dalla prima all’ultima pagina di questo libro c’è infatti, un lodevole e crescente sforzo per ridare ai suoi concittadini la verità dopo tante denigrazioni, sofferenze, soprusi, calunnie, fango, umiliazioni.

La figura di suo padre – galantuomo, anche se ritenuto mafioso e, per questo, vessato in vario modo alla ricerca di qualche reato concretamente imputabile e torturato fisicamente e psicologicamente – emerge da tutto il racconto come quella di un uomo saggio e forte, stimato da tutte le parti, anche le più ostili. Fra le righe si nota sempre la grande ammirazione e il grande affetto del figlio per un uomo considerato eccezionale e impegnato nella quotidiana e titanica lotta contro i malvagi. Proprio al padre – “che non avrebbe approvato “, dice – egli dedica questo libro, oggi alla sua seconda edizione.

———————————————-

 Trovo l’opera interessante anche per i tanti e dotti richiami all’archeologia e alla storia locale e regionale; perle puntuali annotazioni su costumi, usi, tradizioni, proverbi popolari, sacralità e centralità della famiglia, evoluzione della mentalità, dell’urbanistica e della religiositàdi Montelepre. Apprezzabili sono pure le battute, le citazioni ed una poesia (pag 147) nella colorita lingua siciliana.Si nota subito che l’autore è anche uno studioso, uno psicologo e un sociologo convincente, attento al rispetto della persona e della legalità.

Non mancano, infatti, neanche le pagine che evidenziano – senza reticenze, eufemismi o moralismi – le connessioni sfacciate tra i vari poteri, una certa sorda lotta tra polizia e carabinieri, i vecchi e, purtroppo, mai del tutto abbandonati sistemi polizieschi intenti ad estorcere con le torture anche testimonianze fasulle, la mafia del primo e del secondo dopoguerra, le cause e le devastanti ed imprevedibili conseguenze dell’uragano – banditismo, la “misteriosa” strage di Portella della Ginestra, la messinscena del conflitto a fuoco a Castelvetrano e la morte di Giuliano; l’intervento dèl vescovo di Monreale a difesa di un paese angariato e demonizzato, specialmente dopo il caotico sfascio dell’ultimo dopoguerra, quando si lottava per sopravvivere; la dilagante ingiustizia e l’altrettanto dilagante corruzione in una regione sempre predata e mal governata; l’eredità di cultura d’ingegno e anche di litigiosità dei Greci antichi; la radicata diffidenza verso lo Stato e le istituzioni, che spingono a cercare protezione nei privati; la vita d’inferno del mafioso tra incertezze, precarietà, apprensioni, preoccupazioni ecc. ecc.

A mio parere, è bene che questo libro ricco anche di un repertorio fotografico ampio e spesso ancora inedito, sia messo in mano ai giovani per non dimenticare il passato e per migliorare il presente; nelle mani degli amministratori e dei politici per non ricadere nei vecchi detestabili errori; nelle mani di quanti cercano la verità e lottano per la giustizia e per il bene del nostro popolo.Mille volte grazie, dunque, al Prof. Giuseppe Mazzola ed auguri per eventuali nuove fatiche di questo e di altro tipo a vantaggio della nostra storia locale, di Montelepre e della Sicilia».

Prof Don Michele A. Crociata

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: