DPR 122/09.Regolamento recante….

coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli alunni e ulteriori comodità applicative in materia,ai sensi degli articoli 2 e 3 del Decreto-Legge 1 Settembre 2008,n.137,convertito,con modificazioni,dalla legge 30 ottobre 2008,n.169.

Testo:http://www.edscuola.it/archivio/norme/programmi/regvalutazione.pdf

Il quarto regolamento Gelmini, di coordinamento delle norme in materia di valutazione degli alunni, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale (dpr 22 giugno 2009, n. 122).

A differenza degli altri regolamenti pubblicati, questo sulla valutazione ha già trovato applicazione in buona parte nel corso di questo anno scolastico appena terminato, in termini di valutazione espressa con voto in decimi anche nelle scuole del primo ciclo, di voto del comportamento nelle scuole secondarie di I e II grado, con possibili effetti, se negativo, di non ammissione all’esame o alla classe successiva.

L’applicazione completa del regolamento dal prossimo anno scolastico determinerà, comunque, alcuni effetti nuovi che non avevano avuto attuazione prima.

Il primo comma dell’art. 6, relativamente alla valutazione degli studenti delle superiori, prevede che per l’ammissione all’esame di Stato, esattamente come già previsto e applicato quest’anno per l’esame di licenza, sia necessario conseguire la sufficienza in ciascuna disciplina, oltre, s’intende, anche nel comportamento.

Quest’anno, in attesa dell’entrata in vigore di questa drastica disposizione che non mancherà di provocare reazioni tra gli studenti, si è data applicazione, per la prima volta, alla disposizione meno severa, voluta dall’allora ministro Fioroni, che per l’ammissione all’esame di Stato fosse necessaria la media del sei.

Lo stesso articolo 6, al comma 3, conferma, inoltre, la disposizione, recentemente censurata dal Tar del Lazio, che riconosce pieno titolo ai docenti di religione cattolica di concorrere ala determinazione dei crediti scolastici.

La natura regolamentare di questa disposizione, oltre a comportare il riconoscimento del diritto alla pari dei docenti di RC, dovrebbe consentire che essa sia sottratta alla possibile censura del Tar, in quanto non trattasi di materia amministrativa.

L’immediata entrata in vigore del Regolamento potrebbe, addirittura, rendere inutile il ricorso al Consiglio di Stato del ministro Gelmini contro la sentenza n. 7076 del Tar Lazio.

Un’altra novità è contenuta nel comma 6 dell’art. 3 relativo agli esami di licenza al termine del primo ciclo. Per la determinazione del voto finale di esame – che già da quest’anno è stato espresso con voto in decimi anziché con giudizio (ottimo, distinto, ecc.) – viene calcolata la media aritmetica dei voti conseguiti in tutte le prove d’esame, scritte e orali, e nel giudizio di ammissione.

3 Risposte

  1. Il ministro Gelmini si dimostra nelle mani di reazionari integralisti dimenticando che proprio la riforma Fioroni aveva spinto molti,tra cui il sottoscritto a votare per Berlusconi.Una norma per l’ammissione agli esami di Stato che non era presente nemmeno nel 1967 prima della contestazione studentesca.
    Usque tandem…..invito gli studenti ed i sindacati a contestare e nelle prossime amministrative regionali a far sentire la loro voce.

  2. Scusa,Francesco,a quale norma ti riferisci?Grazie.

  3. qualcuno sa se il blog non utilizzato viene sospeso dalla pubblicazione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: